La Rinascita dell’Aquila

Il Silenzio della Notte
smette di tacere
al tremar della Terra.

Crepe inarrestabili e rumorose
squarciano sulle spoglie silenti
le pareti delle strutture 
una volta salde
e or dal terremoto infrante.

Muore tacita la ressa in Chimera
e la ressa vive col Panico e Spera.

Al crollo dei massi
con passi scaltri
si rivestono gli uomini
a calcinacci con abiti sfatti.

Macerie pesanti e polverose
sulla Speranza impavida
ove silente e tremante
Povertà indossa Carità
per cercar fra le Nazioni parità.

Annegano il Silenzio
le stridenti lacrime
ove sulla tremante Terra
fa poltiglia Sangue e Pianti.

Lacrime in stille di diamanti
canti onirici dei lirici Santi
al celebrar coi neri manti
gli inermi a lutto.

Spontanei al massacro
fra il profano e il sacro
sull’orlo del baratro i necrofori
sollevano gli inermi nel feretro.

Soprano è il tetro teatro
al madido sguardo degli inermi
Aquilani in soqquadro.

Mani nelle mani fra loro strette
faticano alle ali del pennuto
per la ripresa di un popolo:
la rinascita dell’Aquila.

Angelo Farese

Nessun commento:

Posta un commento